expr:class='"loading" + data:blog.mobileClass'>

PECE

PECE
La logica si infrange quando non si ha voglia di staccarsi, quando il bisogno e' quello di rimanere aggrappati

ANOMALIE ARMONICHE

ANOMALIE ARMONICHE
SE lO RITIRNI NECESSARIO SONO, MMMMM, SIAMO ANCHE QUI

martedì 11 novembre 2008

piano al piano

Note armoniose da dita sconnesse,
virtuosismi stampati sulla pelle,
musica dal profumo di sensuale attrazione.
ogni volta che ti ricordo sento fremere il mio corpo come i martelletti del pianoforte,
Sento le tue dita pigiare sul mio corpo,
accordo di artigli che lacerano il cuore,
cicatrici solcate in forti abbracci.
lontani nello spazio,
presenti nel presente
Corde tese in barrè dalla distorta pressione,
il tuo profumo che sa di anarchia,
la tua pelle che scivola sotto le mani,,
ricordo ecitante di giorni lontani.
Sento il tuo respiro portato dal vento,
sento il tuo sospiro tra le righe di una lettera,
piegata come un aeroplanino dal tremante volare,
quei segni rimasti nel nostro cuore,
sono le note scritte su un rigo,
di un'aria che suonerà in eterno.

2 commenti:

  1. ti voglio bene, non dico altro.
    So già tutto. :(

    RispondiElimina
  2. grazie anche io te ne voglio tanto

    RispondiElimina

Ehi,tu che ti senti colpito da quello che scrivo,tu che a volte ti senti il bersaglio delle mie lame...
sappi che la cosa mi fa molto piacere