expr:class='"loading" + data:blog.mobileClass'>

PECE

PECE
La logica si infrange quando non si ha voglia di staccarsi, quando il bisogno e' quello di rimanere aggrappati

ANOMALIE ARMONICHE

ANOMALIE ARMONICHE
SE lO RITIRNI NECESSARIO SONO, MMMMM, SIAMO ANCHE QUI

domenica 9 novembre 2008

il nulla

Sicilia,miniere di Realmonte.
Un amico,un fratello,un compare lavorava presso le miniere,nel 2001 me le fece visitare in compania di mio figlio e sua madre.
Poi mi chiese se vevo mai visto IL NULLA.
Dopo varie discussioni"Sei sicuro?Vai da solo!ecc.ecc.",mi porta con una Panda a 300 metri sotto il suolo in una galleria di salgemma,come da me richiesto risale di qualche centinaia di metri con l'auto.Poi spengono le luci,
Buio totale,silenzio a parte il cadere di gocce.Non il minimo riflesso,il sangue gelido,occhi inutili,non riuscivo a distinguere il palmo della mia mano appoggiato al naso.Perdita totale dell'orientamento,vertigine anche da seduto come mi sistemai incapace di rimanere in piedi.Passata l'emozione volli giocare pesante, inconscio dello trascorrere del tempo,poteva essere un istante ,un'eternità.Evocai nella mia mente mia nonna,chiudendo gli occhi,il suo viso contornato dal buio aveva luce nei miei ricordi,evocai ogni mia forte malinconia ed aveva un'opaca luce,evocai le mie paure,i miei spettri e le gocce cadenti facevano sentire forte il loro tonfo,quasi echeggiando in quelle pareti di sale.
Ma non c'era spazio,non c'era tempo.Scoprii la dolce compania della mia mente e di quelle ombre inesistenti in un nulla senza luce.Scoprii che non avevo corpo,che in quell'istante ero solo anima,buia invisibile,ma viva.Scoprii come dice una mia amica che la morte è solo un volo e che la luce ti permette di vederne le ali.
Tornò la luce,tornò la Panda erano passati 15 minuti,avevo rivissuto 35 anni.

5 commenti:

  1. In qualche modo anche il tuo blog parla di te e della tua vita
    Ciao
    Antonella

    RispondiElimina
  2. grazie della visita,frammenti,cocci

    RispondiElimina
  3. Ciao Frank, bel post ;) come sempre.

    RispondiElimina
  4. Quando vuoi ci ritorniamo in miniera a Realmonte...
    Maurizio

    RispondiElimina

Ehi,tu che ti senti colpito da quello che scrivo,tu che a volte ti senti il bersaglio delle mie lame...
sappi che la cosa mi fa molto piacere