expr:class='"loading" + data:blog.mobileClass'>

PECE

PECE
La logica si infrange quando non si ha voglia di staccarsi, quando il bisogno e' quello di rimanere aggrappati

ANOMALIE ARMONICHE

ANOMALIE ARMONICHE
SE lO RITIRNI NECESSARIO SONO, MMMMM, SIAMO ANCHE QUI

venerdì 6 marzo 2009

Era tanto che non accadeva.
Un pò di anni che il mio cucciolo che sta crescndo quando stiamo insieme vuole dormire giustamente nel suo letto.Si nel suo letto perchè sa che quello è una cosa sua ,ha un significato particolare per lui.Anche se è di ferro,alzato al cielo dove gli insegno a volare,lo stringe in un abbraccio forte,con la finestra che gli filtra i raggi della luna sul corpo e la luce del mattino che entra furtiva a svegliarlo a dirgli che un nuovo giorno è cominciato.E accucciato aspetta che io salga le scale che portano a lui per svegliarlo con una carezza o con un bacio.E ama farsi ripetere anche se le conosce le cose che deve fare per essere pronto per andare a scuola,mentre i suoi indumenti girano per la stanza dalla sera prima quando come suo padre si infila nel letto nudo.

Eppure stanotte ha voluto dormire con me nel letto,in questo momento non facile per entrambi.
Ho sentito il suo corpo aggrapparsi al mio,mentre le mie mie braccia lo cingevano e la mia mano accarezzava i suoi capelli,cullandolo nel suo sonno.Ogni tanto apriva gli occhi e trovava i miei,che vegliavano sui suoi sogni .E allungava una mano al mio viso a cullare i miei in quelle sensazioni che non hanno parole,ma che parlano più di qualsiasi discorso.Un dare reciproco di affetto e amore tra padre e figlio,nella comprensione del momento.Il bisogno di essere guidato e di sentire sicurezza e protezione.Il fantasticare tra corde di chitarra nelle risate delle parole di canzoni inventate,nel respirare l'aria non viziata di casa in quel bosco che è anche il suo,ma che risplende solo della luce del sole,accarezzando la mia nostalgia presente,in quella libertà frenata che ha doppio filo come la lama di un pugnale di cui ho dotato le sue ali.

Poi stamane il risveglio.Lui ancora ranicchiato con le gambe che stringevano le mie.
"Buongiorno babbo"
"Buongiorno Carlo"
un ultimo abbraccio e l'avventura può cominciare.

6 commenti:

  1. Necronomicon6 marzo 2009 10:26

    A volte soltanto i nostri figli riescono veramente a capire cosa abbiamo nei nostri cuori. Senza nemmeno parlare. Non servono parole.
    Abbraccia il tuo bimbo e fa di lui la tua forza.

    RispondiElimina
  2. ...sei un prisma di emozioni, ovunque la luce ti attraversi mi meraviglio dei colori intensi che riveli...Buona giornata!

    RispondiElimina
  3. E con i suoi occhi nei tuoi tu sei incoronato RE DI TUTTO perche'con LUI vicino TU HAI TUTTO!

    Ti abbraccio Oreon bello leggerti cosi' veramente bello.

    RispondiElimina
  4. Si bella questa versione di Nero.

    RispondiElimina
  5. Questo post è di una dolcezza infinita... Penso che i bambini abbiano una sensibilità e un'empatia che si perde crescendo... ed anche in un solo gesto riescono a comunicare tante più cose di quante non si riescano a dire con la voce... Ed è uno scmabio reciproco ed enorme...

    RispondiElimina
  6. Che meravigliosa dolcezza!!!
    Pensa che nella notte buia e profonda c'é una luce che circonda il cuore del tuo bimbo, una luce che rimarrà sempre costante, quella luce sei tu!
    Dolce serata oltre ad un sereno weekend...bacionissimi

    RispondiElimina

Ehi,tu che ti senti colpito da quello che scrivo,tu che a volte ti senti il bersaglio delle mie lame...
sappi che la cosa mi fa molto piacere