expr:class='"loading" + data:blog.mobileClass'>

PECE

PECE
La logica si infrange quando non si ha voglia di staccarsi, quando il bisogno e' quello di rimanere aggrappati

ANOMALIE ARMONICHE

ANOMALIE ARMONICHE
SE lO RITIRNI NECESSARIO SONO, MMMMM, SIAMO ANCHE QUI

mercoledì 25 marzo 2009


Ancora una volta nel bosco.

Appoggiato con la schiena al tronco dell'albero,vedo le nubi correre nella notte e il vento è favorevole e mi porta sempre lontano.
Ma tra i pensieri del cuore,mi ritorna in mente che ieri mi hanno detto che mi hanno sognato,vicino ad un letto di un'anziana signora,che la accudivo con amore e che non volevo staccarmi da lei.Che vuole che la vada a trovare,che accenda una candela per lei,perchè dove è adesso è buio.

Chi mi conosce sa di chi si tratta,sa che fatico a parlarne,perchè ad ogni parola scendono lacrime,perchè mi manca tanto,mi manca tantissimo.
La mia amica,la mia compagna di giochi,la mia follia,lo scrigno dei miei segreti,il muro dei miei pianti,
la mia nonna.
Estroversa,solare,rabbiosa,col cuore che sapeva amare,passionale,impavida.
Il mio amore per il bosco,il comprendere senza pregiudizi,gli slanci,l'amore per la vita,la spontaneità,l'allegria e l'insegnamento reale che ognuno è fautore del proprio destino.
E sono tantissimi i ricordi,le passeggiate,i furti della frutta,dei fiori,i suoi battibecchi con la gente.
Ricordi visti ancora con gli occhi di un bambino che amava quel folletto di sua nonna.
Le parole,le massime che danno insegnamento ala tua vita,che ritrovi nella saggezza dei suoi pensieri.
Poi per l'ennesima volta un letto di ospedale,io lontano 3000 chilometri.
Il suo volermi aspettare,il suo volermi vicino,il suo lasciarsi morire tra le mie braccia.
Mi alzo.
Qua è notte e le viole hanno chiuso la loro corolla.
Ne faccio un mazzo so che gli farà piacere.



Quanto ho sofferto,quanto sto ancora male pensando a quando gli si sono chiusi gli occhi celesti per sempre,mentre parlava con la voce da bambina e chiamava i suoi cari,chiamava la mamma.
Quanto mi ha insegnato.

Mi manchi nonna

9 commenti:

  1. ...dolcissimo ramingo e compagno dei boschi, è bellissimo ascoltare i tuoi ricordi...

    RispondiElimina
  2. MI TROVAVO SULLA STRADA DI CASA TUA.....
    DELLE TUE PAGINE....
    MENTRE TU PERCORREVI LE MIE....

    PIANGO.


    CONSUMATA DA QUESTE TUE PAROLE,
    DALLA TUA MALINCONIA...
    DAI TUOI RICORDI....
    CHE PROIETTANO FOTOGRAMMI
    NELL'OSCURO RAGGIO DOVE
    MI RIPONGO....
    COME SE TI VEDESSI...
    NASCOSTA TRA GLI ALBERI...
    SENTENDO LE TUE LACRIME
    SOLCARE LA TUA PELLE
    SENTENDOLE ADDOSSO....
    INFINITE PAROLE...
    NASCONO.
    ADESSO, CHE VORREI
    DONARE A TE...
    PUR VIRTUALE ...
    EPPUR COSI' VERO....
    MA...VADO....
    MI METTO DA PARTE...
    CONTINUANDO AD ASCOLTARE
    NEL SILENZIO...
    LE PAROLE CHE FUGGONO
    IMPRIMENDOSI...


    DONALE QUEL MAZZO...
    RIVESTILA DI LUCE...
    TU CHE DIMOSTRI DI CONOSCERNE
    LE LEGGI ED I SUOI RICHIAMI...

    RispondiElimina
  3. Conosco vite....

    RispondiElimina
  4. Brividi...leggere una parte di te, col suono di Lezioni di Piano, mi ha fatto precipitare indietro nel tempo. Dove tutto ha un suo perchè...Persone come tua nonna, mio fratello....lasciano tracce indelebili. E ci sono giorni che tutto questo è insopportabile.

    RispondiElimina
  5. So di cosa parli...Mi hanno lasciata eppure ogni giorno nella mia vita accade qualcosa che mi porta a nominarli: perchè ripeto un loro modo di dire, quei saggi proverbi che ti facevano ridere e pensare, o perchè preparo il petto di pollo seguendo la ricetta di mia nonna, o perchè aiuto mio padre a potare l'ulivo e mi ricordo di tutte quelle domeniche in cui mio nonno veniva a casa e ci diceva lui cosa tagliare e come, ...perchè tutto quello che di buono mi hanno lasciato me lo porterò nel mio cuore per sempre. L'altro giorno ero sul divano con mia madre e parlavamo di loro guardando quelle dolcissime fotografie a colori e in bianco e nero, e ci siamo rese conto di come più passa il tempo più ti mancano...alcuni giorni non ti rendi nemmeno conto che sono andati davvero via per sempre, forse perchè non mi sono ancora rassegnata! Nessun affetto nella vita può sopperire alla loro mancanza!
    Un dolcissimo e caloroso abbraccio

    RispondiElimina
  6. http://www.charlieonline.it/images/OrnellaPinna/nonna_e_nipote.jpg

    Spero tu possa vedere questa foto..te la lascio accompagnata dal mio silenzio,dal rispetto di queste tue righe da una carezza sul tuo viso che nasce dal cuore...Oren.

    RispondiElimina
  7. com'è intenso questo post che annega nel ricordo....

    RispondiElimina
  8. sei un cuoco? wow! avrò sempre bisogno dei tuoi consigli....
    grazie.....

    RispondiElimina
  9. Non solo...ma ti mancano le sue parole... il suo sorriso... i suoi abbracci e la sua tenerezza.
    Queste sono cose che non si superano, quindi è inutile dirti passerà perchè non è vero... però si può trasformare tutta la sofferenza in un dolce ricordo... Ciao Nero una lieve carezza sul cuore

    RispondiElimina

Ehi,tu che ti senti colpito da quello che scrivo,tu che a volte ti senti il bersaglio delle mie lame...
sappi che la cosa mi fa molto piacere