expr:class='"loading" + data:blog.mobileClass'>

PECE

PECE
La logica si infrange quando non si ha voglia di staccarsi, quando il bisogno e' quello di rimanere aggrappati

ANOMALIE ARMONICHE

ANOMALIE ARMONICHE
SE lO RITIRNI NECESSARIO SONO, MMMMM, SIAMO ANCHE QUI

mercoledì 14 gennaio 2009

Sweet sacrifice _Evanescence.

Come sedersi davanti ad uno specchio e poi scoprire che l'immagine non è riflessa,perchè non è uno specchio,ma solo una sottile lamina di vetro trasparente .
Osservare le somiglianze, riflesse sul proprio volto dall'anima ,con chi è seduto dall'altra parte del vetro.

Riconoscere le proprie emozioni,ritrovare le proprie ali tarpate,specchiarsi in ogni lacrima per il proprio dolore,sentire le proprie parole senza pronunciarle,allungare una mano per coglierle e sentire il sapore salato di una vita che ha sofferto.

Sentire su di se le corde che hanno trattenuto il volo,che ancora salde trattengono i polsi e non vogliono mollare.
I ricatti morali di una vita che affondano nella carne bruciando, dissipando ogni dolcezza che fanno diventare abitudine l'essere usati.



Sentire il calore di un corpo sacrificato al compiacere, prostrato al bisogno di dolore, a cercare il suo significato nel possesso di carne da sempre usata.
Coglierne il vibrare alle carezze delle dita, a trasformare quel bisogno in passione, al condividere e non solo ascoltare.
Al suo avvolgersi alle carezze sulla pelle e sentire che il furore non è solo dolore,
ma si trasforma in piacere e finalmente il corpo comincia a tremare.

Come la lama di un Katama apre varchi alla sua strada quell'onda di emozioni che trafigge il cuore,sensazioni d'amore.

7 commenti:

  1. laverita daisy88.14 gennaio 2009 21:33

    il specchio rifletti, il volto di una persona , la trasparenza del chiaro , il chiaro di un vetro in fratumato , che colto pezzo pezzo davanti a quello specchio riflette il tuo chiaro vero amore trasparente come lo specchio che c'è in te.

    RispondiElimina
  2. ...col palmo delle mani m'appoggio al vetro sorpresa dal calore. Non credo che sia tutto nero là dentro, sento e vedo porzioni di me che conoscono il buio...ho scelto e ho potuto e ho voluto vivere di luce, non amo soffrire, vorrei essere pozione che guarisce, sussurro che lenisce...un altro mondo rispetto al dolore....

    RispondiElimina
  3. Lo specchio ce l'abbiamo dentro... ci riflette anche quando non è davanti agli occhi... Ed è difficile federe l'immagine che vorremmo... Le corde stringono sempre... c'è una parte dell'anima che non lasceranno mai...

    P.S.= Questa canzone è bellissima...

    RispondiElimina
  4. Aliterei sul vetro e passerei un panno per togliere l'appanno.

    Sensazioni d'amore s'aprono come varchi, trafitti.

    RispondiElimina
  5. mi piace la distorsione del riflesso su di un vetro delinea a grandi linee l'aspetto sfumando un pò..l'immagine riflessa può essere attraversata da altre immagini ancora...linee di somiglianza di me...attraversato da un altro contesto...

    RispondiElimina
  6. Follemente ... Tanto Tempo Fa ... E sono qui. Perchè? Non so.

    RispondiElimina

Ehi,tu che ti senti colpito da quello che scrivo,tu che a volte ti senti il bersaglio delle mie lame...
sappi che la cosa mi fa molto piacere