expr:class='"loading" + data:blog.mobileClass'>

PECE

PECE
La logica si infrange quando non si ha voglia di staccarsi, quando il bisogno e' quello di rimanere aggrappati

ANOMALIE ARMONICHE

ANOMALIE ARMONICHE
SE lO RITIRNI NECESSARIO SONO, MMMMM, SIAMO ANCHE QUI

sabato 17 gennaio 2009

Nero batte banco

Silenzio!
solo uno scrutarsi di occhi,
ogni minima sfumatura,
labbra che si mordono,
un tic che fa sobbalzare l'occhio.
Ogni giocatore valuta le proprie carte alzandole leggermente dal tavolo,
nessuno deve vedere.

Carta !
una possibilità,
un piccolo indizio scrutato da altri,
calcoli per qualcuno,
inutile per altri.
Passo!
Il primo giocatore cade,
nella sua indifferenza al gioco.



Carta!
L'emozione sale,
spostare di gambe sotto il tavolo,
qualcuno si smuove,
altri stan fermi.
L'aria si scalda,
la tensione eletrizza,
si sente il respiro soffiare dalla narici di ognuno,
nervosismo,
battito di dita sul tavolo,
cerchi attorno ai bicchieri.
Il gioco è fatto.
O quasi.
Chi si sente forte di se,
chi bluffa raccontandosi,
chi rimane con lo stesso sorriso da quando ha iniziato.
La posta si alza.
E' fatta di lamenti,
di pianti di bambini strappati al velo delle madri,
dall'indifferenza del mondo,
dalla non comprensione di nulla,
dall'egoismo dominante.


Carta!
Saliscendi di gole
dal respiro mozzato.
Ora diventa paura,
ora diventa limite,
la lama accarezza la pelle,
un picccolo gesto
ed è fatta.
Solo chi bluffa ci ripensa un istante,
guarda la lama
ma si sente impotente.

Nero-Catrame tiene banco

Vuoi giocare con me?





O contro di me?

9 commenti:

  1. Complimenti non ci possiamo lamentare.

    RispondiElimina
  2. caspita...graffi sempre tu;)

    RispondiElimina
  3. Sempre contro di te.
    E' più divertente quando si sa che la sfida è dura e che l'avversario non lascia il tavolo.
    E poi a me piace vincere ...

    RispondiElimina
  4. gioco...oltre il tavolo ! Questa è una splendida partita e da fuori posso gustarla al meglio, accorgermi degli impercettibili movimenti di ognuno...coinvolgermi senza perdere mai, assaporare il desiderio di vittoria, fremere con chi tutiba, ammiccare a chi dubita, rattristarmi per chi si è seduto e non sa giocare...sorridere a chi tiene banco..sempre "con" !!!!

    RispondiElimina
  5. Ma noi giochiamo sempre contro noi stessi...

    RispondiElimina
  6. la veritàdaisy88.blogspot .com17 gennaio 2009 15:31

    no hay ningun perdedor ni tampoco vensedor porque la vida , es una partida que hay que aprender a jugarsela . para poder ganar ma pienso que quien pierde por ultimo ganas mas es como tirar aldado se sabe como se inicias mas no se sabe como se termina nero catrame tu sei gia un vencedor de la vida sigue adelante que la vida es una

    RispondiElimina
  7. si inizia a giocare...poi decido se con o contro...ihih..

    RispondiElimina
  8. io ho smesso di giocare da molto
    :) dawoR***

    RispondiElimina
  9. Gioco volentieri.
    Solo se sto dalla parte del nero.

    RispondiElimina

Ehi,tu che ti senti colpito da quello che scrivo,tu che a volte ti senti il bersaglio delle mie lame...
sappi che la cosa mi fa molto piacere