expr:class='"loading" + data:blog.mobileClass'>

PECE

PECE
La logica si infrange quando non si ha voglia di staccarsi, quando il bisogno e' quello di rimanere aggrappati

ANOMALIE ARMONICHE

ANOMALIE ARMONICHE
SE lO RITIRNI NECESSARIO SONO, MMMMM, SIAMO ANCHE QUI

giovedì 28 maggio 2009

Come sempre immancabile l'appuntamento con la tempesta.
Là in riva al mare,dove il vento grida e ti sbatte in faccia la sua rabbia,
la sua disperazione e la pioggia batte sulla pelle,la trafigge come una caduta di spilli,mentre le onde rumoreggiano la loro alternanza sulla riva.
Eppure non può piovere per sempre,eppure amo la pioggia.

E sull'onda del mare,come issarsi forzando l'addome su una tavola del vento si alza imperioso e completante ,tra gli spruzzi della schiuma corrente e il tunnel della ricaduta ,il "tu fai parte di me".


E sono brividi e non è freddo,non è paura,ma è il tremore di se quando ci si sta per sciogliere e si cade lentamente sulla sabbia ,granello per granello,come "un castello in aria" e non ci si mischia alla rena,ma si cresce,allungando le mani come volare.
E si è dentro al tunnel del vento,lo si percorre sentendo crollare dietro di se ogni passo fatto,che esplode in un boato che fa allungare il collo sorridendo e la tavola non è più sotto i nostri piedi,volo sull'acqua trasportato dal vento.

E ora lo ascolto, lui ascolta me e ti reca le mie domande ed i miei giusti perchè.Quanto sono stato stupido a non porterle senza che mi venisse chiesto,ne hai bisogno,come ne ho bisogno io.Siamo parte di noi e non basta comprendersi e capirsi,perchè le nostre risposte ci integrano,ci fanno pensare mentre parliamo,sono il come va?che non manca mai.Potrei trovare mille giustificazioni nel mio essere,ma in realtà non ve ne è una che sia plausibile.Perchè i silenzi parlano,i perchè gli danno voce.
E non mi sento usato entrando tra le acque del mare,mi sento avvolto,da quello che solo noi possiamo capire.

8 commenti:

  1. ciao nero buongiorno, passo per lasciarti un saluto e le tue atmosfere incantate mi avvolgono...
    Alla prossima! un abbraccio, beppa.

    RispondiElimina
  2. che bello! ma è dedicato a tuo figlio?

    RispondiElimina
  3. Perdersi su una spiaggia delle emozioni come tu sai trasmettere è meraviglioso!
    Ho chiuso gli occhi e ho immaginato quello che hai scritto..

    RispondiElimina
  4. Carissimo amico....
    Questo post descrive il viandare delle onde del soffrire e del gioire dell'amore più vero che possa esistere...
    Io raccoglierei ogni cosa del tuo blog e la pubblicherei...ci sono tutte le sfumature dell'amore che non tutti sono capaci di definire come fai tu...
    Pensaci....
    una buona giornata tesoro...
    Sempre DSI!

    RispondiElimina
  5. Leggendoti mi è venuto in mente un pensiero che ho appreso e fatto mio ultimamente...alle volte ci vuole tempo per capire, e non sempre è importante...quando si litiga e si sta male non ha più importanza chi ha regione...che me ne faccio della ragione stando sola...l'importante è stare bene, anche rispettando i tempi dei silenzi
    Magari sono uscita fuori tema, ma a questo mi hai fatto pensare, buon mare, buon tutto, goditela, godetevela, mescolatevi, scambiatevi, siete due che diventano uno, ciao!

    RispondiElimina
  6. Uhm...che dirti. E' un sogno:)

    RispondiElimina
  7. ..beh che dire, mi hai emozionata..

    RispondiElimina

Ehi,tu che ti senti colpito da quello che scrivo,tu che a volte ti senti il bersaglio delle mie lame...
sappi che la cosa mi fa molto piacere