expr:class='"loading" + data:blog.mobileClass'>

PECE

PECE
La logica si infrange quando non si ha voglia di staccarsi, quando il bisogno e' quello di rimanere aggrappati

ANOMALIE ARMONICHE

ANOMALIE ARMONICHE
SE lO RITIRNI NECESSARIO SONO, MMMMM, SIAMO ANCHE QUI

giovedì 18 dicembre 2014

Apache 2.0


Mentre le ombre si allungano e il sole si appoggia lontano ai margini della prateria, visto da questa collina, nel piccolo villaggio ai suoi piedi sembra, che nulla sia cambiato nel tempo.
Forse perchè non si vedono gli uomini, forse perchè non si vede l'intorno, forse perchè sono solo nostalgico e mi piace vederla così.
In tutti questi anni vissuti a contatto con i membri della tribù,
ho visto il lento cambiare dei costumi, delle usanze,degli ideali.
Un rivoltarsi della vita, un inasprimento ,un abbandono alla resistenza e al sacrificio, un deserto di contatti , una diminuzione di quella che era l'essenza di comunità ,verso una vita totalmente soggettiva, racchiusa dentro ogni teepee , definendo margini al di la delle pelli.


VADO di FRETTA ,uno dei capi del villaggio, famoso e impavido guerriero, sempre pronto a difendere la propria tribù.Mi ricordo quando ancora giovanissimo prevalse nelle prove, che aprivano le porte all'età matura, alla possibilità di essere cacciatore o esploratore, di tingersi la pelle coi simboli del guerriero.
Eppure nel tempo, ha evitato , che i suoi figli e i figli dei figli , facessero lo stesso. Vinto da una fortissima apprensività,ha privato i giovani della possibilità di fare esperienze al di fuori del villaggio, di sbattere il muso contro la vita, cercando di anticipare i possibili errori in cui si può cadere, supervisionando i possibili incontri col mondo esterno,
come se le cicatrici, che porta sul corpo, fossero da rinnegare.

PETALO di CACTUS ricorda la sua giovinezza, fiera della sua bellezza e guarda le ragazze ridere beffarde ,sentendo l'echeggiare dei tamburi, lontani nel tempo, nei rituali dell'accoppiamento.Ricorda quando la squaw era legata al suo uomo per la vita, tanto da seguirne il destino , fosse questo anche la morte. Vede svanire nel fumo ,che esce dal teepee, i legami. Osserva come i giovani continuano a sfiorarsi, lasciando la danza aperta e i tamburi suonare, incapaci di smettere di ballare, lasciandosi andare solo ubriacati da una tenue euforia. Un momento, un istante. Lacrime danzanti sulla chiusura emotiva.

Il villaggio rimane fermo, incapacitato di muoversi, vinto dai compromessi del sopravvivere. Prima distrutto , poi reso pagliaccio, goffo nel muoversi e all'orrizzonte solo la nebbia e nell'intorno niente in cui credere.

Mi stendo sull'erba di questa collina e rimango a guardare, vinto anche io da questa atmosfera, godo dei miei ricordi, anche se maro rimane il sapore per chi da ricordare, qualcosa di diverso da questo vuoto, non ha.
Perchè noi popolo nobile che calpestavamo tutte queste terre,  fieri dei nostri costumi, delle nostre tradizioni, impavidi nell'affrontare la vita, siamo stati vinti come tutti
dalla Paura.

Ah ,ho dimenticato di presentarmi.

OSSEQUIO di SEPPIA.








5 commenti:

  1. Al solito amico mio caro, quando ti leggo c'è lo sconcerto e lo stupore nel trovarti sempre più bravo, più dentro la mia anima e la mia interiorità..
    Anch'io sono sulla collina e guardo queste cicatrici che non voglio scompaiano,in contrasto con l'annullamento esterno..
    Ti stringo forte!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le cicatrici non sono altro che il segno ,che testimonia, che abbiamo vissuto,quello che mi sconcerta e' la paura di vivere che vedo da quassu :)
      Un bacio Nella :)

      Elimina
    2. Ricambio sinceramente amico caro!

      Elimina
  2. Ognuno di noi porta dentro di se fratture interiori da cui non possiamo di certo separarci in maniera consapevole, tutti abbiamo commesso azioni, la volontà di agire è un dettaglio prettamente irrilevante ma come da natura umana ne abbiamo tutti visceralmente tratto le nostre conseguenze, sono vicina ad osso di seppia osservo, valuto bilanciando il comportamento delle persone, in realtà cercando di sopire il mio dolore sublimandolo in qualcosa di più concreto che non sia la mera staticità dell essere.... quindi lol Sei giustamente libero di andare di fretta su un petalo di cactus :) però dopo chi ti leva le spine OSSO SI SEPPIA? sul didietro da solo non ci arrivi e strusciando peggiori solo le cose lol

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dato che se son spine cresceranno Etain,peggiorerò facendo crescere la spina, finche' si modella alla presa :p

      Elimina

Ehi,tu che ti senti colpito da quello che scrivo,tu che a volte ti senti il bersaglio delle mie lame...
sappi che la cosa mi fa molto piacere