expr:class='"loading" + data:blog.mobileClass'>

PECE

PECE
La logica si infrange quando non si ha voglia di staccarsi, quando il bisogno e' quello di rimanere aggrappati

ANOMALIE ARMONICHE

ANOMALIE ARMONICHE
SE lO RITIRNI NECESSARIO SONO, MMMMM, SIAMO ANCHE QUI

lunedì 23 maggio 2011

BOUNDED

Un bosco che apre i suoi rami all'entrata di un altro,
tra aghi di pino,
profumati fiori d'acacia
e il cielo si scuote,
gocciolando lungo i bordi delle foglie il passato,
che ci scopre nello stupore delle sottili differenze,
che non si allontanano da questa empatia,
dal ritrovarsi specchiati su sfondi differenti,
boschi di mondi diversi che si uniscono,
allungando le mani lungo le creste dell'appennino
e fondendosi uno nell'altro,
nell'assordante tuono.
Si legano i pensieri,
si legano le distanze,
si intreccia la paura all'abbraccio
e il terrore stavolta non è lontano,
si scioglie nel calore di una notte.
Tutto rimane al di fuori,
nonostante spinga per entrare.
La vera paura è al brillare degli occhi,
profondi laghi neri che combaciano,
là dove il nero non assorbe la luce,
ma la riflette.
Lungo l'intreccio dell'appartenenza,
le gocce colanti del possesso,
che sbattono sull'acciao di un filo che attraversa lo spazio,
per saldare il mondo in un corpo indissolubile,
completamente irriverente allo sfoggio del fastidio,
al fondersi di energie ingestibili.
Scivola sulla punta di una lama a scrivere ciò che di noi è stato,
e sbatte sull'acciaio come su un gong
e i passi sull'anima hanno la nostra impronta
e la lama ne racconta il possesso.


E sulla pelle rimane il sapore,
dove la lingua cola l'odore
e nello spazio rimane il rumore,
dove il tuono ha fuso il clamore.



4 commenti:

  1. Gli occhi di un Demone fissare quella di una Strega.
    Fondersi insieme in sorrisi irrispettosi

    Una notte dove ogni cosa è rimasta sospesa fuori da Noi.
    Un giorno dove tutto ci fa da contorno. Suoni, luci, immagini.

    Lama che segna un percorso già scritto.
    Lama che sottolinea il segno di possesso.
    La pretesa di Noi
    La certezza di quello che è segnato.

    Mentre il sapore resta impresso nella pelle.

    RispondiElimina
  2. ...mondi nuovi che stupiscono, incantano, che si legano proprio per le loro diversità...mondi da proteggere...

    una serena sera Oren...

    RispondiElimina
  3. filo spinato che ferisce ma unisce il sangue come un sacro contratto dell'anima...

    un mio personalissimo grazie a Te Oren per questo blog

    RispondiElimina
  4. Sono d'accordo con angeloblu... ti do un plus... bellissime le imagini che hai nel blog...

    Grazie per visitare il mio Blog
    bacini dolci...

    iara

    RispondiElimina

Ehi,tu che ti senti colpito da quello che scrivo,tu che a volte ti senti il bersaglio delle mie lame...
sappi che la cosa mi fa molto piacere